RSS
Immagine

May the force be with you.

 
Commenti disabilitati su May the force be with you.

Pubblicato da su 4 maggio 2017 in Senza categoria

 

Tag: , ,

E se imparassimo dal Canada?

Da un’intervista al Primo Ministro canadese (Justin Trudeau)

This past January, Canada mourned the loss of six innocent lives who were targeted simply for practicing their religion. This was a terrorist attack against the Muslim community and all Canadians, which struck at one of our most cherished freedoms: to freely practice one’s faith and worship without fear.
The attack sought to instil fear and divide Canadians against themselves. Instead, Canadians came together. A solidarity movement quickly formed across the country as Canadians united to condemn the attack, to foster dialogue, and to combat fear and hatred with messages of positivity and hope.

e ancora

We know that the best way to defend Canadians and to fight terrorism is to join together in a compassionate society where all members listen to, care about, help, and are there for one another.

Non credo serva aggiungere altro se non che forse sarebbe il caso di capirlo anche noi.
Potete leggere l’intervista per intero qui

 
Commenti disabilitati su E se imparassimo dal Canada?

Pubblicato da su 26 aprile 2017 in News, opinione persinale

 

Tag: , , ,

Addio “Sottiletta”

Possa la strada alzarsi per incontrarti.
Possa il vento essere sempre alle tue spalle.
Possa il sole splendere caldo sul tuo volto, e la pioggia cadere leggera sui tuoi campi.
E finché ci incontreremo possa Dio tenerti sul palmo della sua mano.

 
Commenti disabilitati su Addio “Sottiletta”

Pubblicato da su 23 aprile 2017 in News

 

Tag: , ,

E il Mondo si limita a parlare!

Leggete, se ce la fate, io non ho cuore per dire nulla.                                                                                            

Siria, attacchi aerei sui ribelli: 58 morti. Strage di bambini per gas tossici.                                                      

Vertice emergenza Onu.
La Repubblica

Strage di ribelli in Siria. L’opposizione: “Usato il gas Sarin”. L’Unicef: “Oggi l’umanità è morta”
La Stampa

 
Commenti disabilitati su E il Mondo si limita a parlare!

Pubblicato da su 4 aprile 2017 in News

 

Tag: , , , ,

Per ricordare Evtushenko, che se n’è andato oggi.

Sono Gagarin, il figlio della terra

Io sono Gagarin.
Per primo ho volato,
e voi volaste dopo di me.
Sono stato donato
per sempre al cielo, dalla terra,
come il figlio dell’umanità.
In quell ‘aprile
i volti delle stelle, che gelavano senza carezze,
coperte di muschio e di ruggine,
si riscaldarono
per le lentiggini rossigne di Smolensk
salite al cielo.
Ma le lentiggini sono tramontate.
Quanto mi è terribile
non restare che un bronzo, che un’ombra,
non poter carezzare né l’erba, né un bambino,
né far scricchiolare il cancelletto d’un giardino.
Da sotto la nera cicatrice del timbro postale
vi sorrido io
con il sorriso ch’è volato via.
Ma osservate bene cartoline e francobolli
e capirete subito:
per l’eternità
io sono in volo.
Mi applaudivano le mani dell’intera umanità.
La gloria tentava di sedurmi,
ma no, non c’è riuscita.

Sulla tetra mi sono schiantato,
quella che per primo ho visto tanto piccola,
e la terra non me l’ha perdonata.
Ma io perdono la terra,
sono figlio suo, in spirito e carne,
e per i secoli prometto
di continuare il mio volo
al di sopra al di sopra dei bombardamenti,
delle tele-radiomenzogne,
che la stringono con le loro volute,
al di sopra delle donnaccole che baldanzosamente
ballano lo streep-tease
per i soldati nel Viet Nam,
al di sopra della tonsura
del frate
che vorrebbe volare, ma è imbarazzato dalla sottana,
al di sopra della censura
che nella sua tonacaccia, inghiottì in Spagna le ali dei poeti…

C’è chi
è in volo
nel simun vorticoso di stelle.
C’è chi
si dibatte
nella palude da se stesso voluta.
Uomini, o uomini
ingenui spacconi,
pensate: non vi fa paura
alzarvi dal Capo che porta il nome dell’uomo che avete ucciso?
Vergognatevi di questo baccano da mercato!
Voi siete gelosi,
rapaci,
vendicativi.
Come potete cadere tanto in basso se volate tanto in alto?!

Io sono Gagarin, figlio della Terra,
figlio dell’umanità:
sono russo, greco e bulgaro,
australiano e finlandese.

Vi incarno tutti
col mio slancio verso i cieli.
Il mio nome è casuale,
ma io non sono stato per caso.

Mentre la terra s’insozzava
di vanità e di peccato,
il mio nome cambiava,
ma l’anima no.

Mi chiamavano Icaro.
Giacqui nella polvere, nella cenere.
Mi aveva spinto verso il sole
il buio della terra.

La cera si sciolse, spargendosi qua e là.
Caddi senza salvezza,
ma un pizzico di sole
rimase stretto nella mia mano.

Mi chiamarono servo.
La rabbia mi pesava sulla schiena
mentre, ritmando il tempo con le mani e coi piedi,
danzavano sul mio corpo.

Io caddi sotto le bastonate,
ma, maledicendo la servitù,
mi costruii delle ali coi bastoni
dei miei torturatori!
Ad Odessa fui Utockin.
Fece uno scarto il duca,
quando al di sopra dei suoi pantaloncini a piffero
si levò un cavallo volante.

Sotto il nome di Nesterov
girando sopra la terra,
feci innamorare la luna
col mio giro della morte.

La morte fischiava sulle ali.
È una virtù disprezzarla
e con Gastello imberbe
mi gettai in volo sul nemico.

E le ali temerarie
ardendo come un rogo, hanno protetto,
voi che foste allora ragazzi,
Aldrin, Collins, Armstrong.

E, sicuro della speranza
che gli uomini sono un’unica famiglia,
dell’equipaggio di Apollo
invisibile io ero.

Mangiammo dai tubetti,
avremmo brindato in viaggio
come sull’Elba,
ci abbracciammo sulla Galassia.

Il lavoro procedeva senza scherzi.
Era in gioco la vita
e con lo stivale di Armstrong
io scesi sulla Luna.

(© E.Evtushenko)

 

 
Commenti disabilitati su Per ricordare Evtushenko, che se n’è andato oggi.

Pubblicato da su 1 aprile 2017 in Poesia

 

Tag: , , , , , , ,

Ricordando

Il cuore… cartolina ingiallita dal tempo
immagine fissa di cio che è stato
e non sarà.
(by me)

 
Commenti disabilitati su Ricordando

Pubblicato da su 17 marzo 2017 in le mie poesie, Poesia

 

Tag:

Che povero, piccolo omettino 2

cs234-savetheworld-saynototrumpovalcolorstickerE, giusto per ribadire il concetto, aggiungiamo pure questo:

Trump: ‘Obama dietro fughe di notizie e proteste’

Le accuse in un’intervista a Fox News. Nuovo attacco al New York Times, ‘Ha intenti diabolici’

Il presidente americano Donald Trump ritiene che probabilmente il suo predecessore, Barack Obama, sia dietro le fughe di notizie che hanno caratterizzato il primo mese della sua amministrazione: lo ha affermato Trump durante un’intervista al programma ‘Fox and Friends’ della Fox News.
Il presidente ha inoltre accusato Obama di essere responsabile dell’organizzazione delle proteste contro i repubblicani questo mese in varie città americane segue qui

 
Commenti disabilitati su Che povero, piccolo omettino 2

Pubblicato da su 28 febbraio 2017 in politica

 

Tag: , , ,

 
Amalaidea

Ama la idea o a mala idea, como tú prefieras.

Il Nido del Corvo

Blog di letteratura fantastica, distopica e dell'insolito

PointofView

by Riccardo Moschetti

CreativityFashionable

L'amore e la passione per la creatività sono CreativityFashionable

Maurizio TED - Poesando

Visit www.JW.ORG

Un po' di mondo

Semplicemente un piccolo blog...

Paco G.R.

Street Photography

Stanze di Cinema

Recensioni, trailer e novità nel cinema del nuovo millennio

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

bartiromomarco

Creatività è tutto ciò che non esisteva prima di averci pensato. -- Alfredo Accatino

Sunset Boulevard

Un luogo, un'ispirazione

Parole scritte a matita

Sii quel desiderio, che troppe volte hai chiuso nel cassetto…

D'Eco

decorazione sostenibile e oggetti recuperati

patriziaphoto.wordpress.com/

Patrizia e il mondo delle foto!

EPOCHE' (fotoblog di francesco)

"Io non dischiudo nè nascondo ma al contrario faccio vedere" (Eraclito)

"La radura nel bosco incantato "

"Quando doni qualcosa dona la parte migliore di te stesso"

Louis' Page

Photos, Opinions, Thoughts, Quotes and Sayings

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: